Bio

English Italiano

Let’s Fly Away From Here

It’s been a long time coming, but Away From Here, the first single from the debut album of the same name by Last Hypnosis is finally here. Last Hypnosis are Sergio D’Amico (vocals, guitar, piano), Loris De Carlo (drums), Davide Tufano (guitar) and Federico Persano (Bass). A piece of adrenalin-fuelled rock sung in English, Away From Here is constructed from a wall of sound that envelops us in its atmospherically magnificent melodies. Away From Here was written by Sergio D’Amico, native of Alessano (a small town in the province of Lecce) and invites a wide range of interpretations: while the lyrcis seem simple, they are rich in meaning. The subject is one close to D’Amico’s own heart – the impulse to run from life’s difficulties and problems in this impersonal and alienating world. Many musicians seek to channel their emotions, their anger, and their refusal to acquiesce through energetic, innovative sound – but few manage to find a place in our hearts. Even on first listening, Last Hypnosis seem to do this.

Born in 1983, D’Amico started piano lessons at the age of six and at a young age, he demonstrated a natural flair for song writing. Progressing from classical piano studies, from the age of 20 he spent five years as the keyboard player and song writer for an Italian rock band; when the band split, he dedicated himself to his own projects. D’Amico’s passion for piano, for aggressive sonority, and for music that stays with you from the first hearing led him to develop his unique groove. In 2007, he took up the electric guitar and explored for the first time his warm, deep, baritone voice and unusually broad vocal range. In 2012 D’Amico started work on recording his first album, scheduled for completion in mid 2015.

The first single from the album, which will be out in time for Christmas 2014, will be given airtime by radio stations across Europe, North America and Japan – and will be accommpanied by a video shot in D’Amico’s home town.
Directed by Ermanno Corrado, the video brings to life the subjects of the song. The video was produced with the help of the talented artist Giampiero M, and features Melanie D and Roberto T as a pair of young lovers. It takes place in a seemingly uninhabited house; the passion of the lovers is seen finally through the eyes of an old man, prompting in him recollections of time spent with his own lover in the same house. Without strength, he passes to his inevitable death – in which he finds himself re-united with his lover.

D’Amico seeks to break the stranglehold on the international and domestic Italian markets of talent-show blandness – those whose raison d’être is, with cold blood and clear head, to fill stadiums; instead, he seeks art with passion, with culture – one full of the optimism that is needed in order to follow our dreams in post crisis Europe. 

In the words of Paulo Coelho “the world belongs to those who have the courage to dream, and run the risk of living their dreams”. He who follows the crowd will only ever go as far as the crowd. Those who have the courage to pursue their dreams have already won!

INIZIA A VOLARE: “AWAY FROM HERE”!

C’è voluto un lungo periodo di attesa per dare alla luce questo singolo che anticipa e da il nome all’intero album, ma la “prima fatica” discografica dei Last Hypnosis (Sergio D’Amico voce, chitarra e pianoforte, Loris De Carlo alla batteria, Davide Tufano alla chitarra lead, Federico Persano al basso) può considerarsi completa. Un pezzo rock adrenalinico in lingua inglese, costruito su un muro sonoro che racchiude al suo interno atmosfera e melodia. “Away from here” firmata da Sergio D’Amico , originario di Alessano, un piccolo paesino in provincia di Lecce, si può prestare ad infinite interpretazioni, il testo si presenta apparentemente semplice nella sua forma ma saturo di significato, il tema affrontato si avvicina al pensiero del cantautore, alla necessità di andar via da situazioni, da problemi e perché no, da un mondo che non sempre ci appartiene. Sono tanti i musicisti che cercano di veicolare le proprie emozioni e la propria rabbia, il proprio dissenso e il proprio pensiero attraverso un sound più grintoso e ricercato, ma sono pochi coloro che riescono ad arrivare al cuore, a rapirlo e ad insidiarsi all’interno, i Last Hypnosis sembrano riuscirci già al primo ascolto.

Classe ’83, Sergio si avvicina al pianoforte già alla tenera età di 6 anni, cominciando a studiare musica come privatista. Nei primi anni dell’adolescenza ha dimostrato una particolare predisposizione alla scrittura e all’arrangiamento dei brani. Abbandona all’età di 18 anni gli studi classici del pianoforte. Entra come tastierista e coautore, all’età di 20 anni, in una rock band italiana (S.P.) che si scioglie dopo 5 anni; da qui la decisione di dedicarsi prevalentemente al suo progetto. La sua passione per il pianoforte, per le sonorità aggressive e per la musica che “resta” al primo ascolto, lo portano a sviluppare il suo groove contraddistinguendolo già dal primo ascolto. Nel 2007 si avvicina alla chitarra elettrica facendo conoscere ed apprezzare anche la sua voce, caratterizzata da una timbrica tipicamente baritonale, calda e profonda con un estensione vocale sugli acuti , tale da fare rabbrividire anche coloro che arrivano in “alto”. Nel 2012 entra in studio con le bozze di alcune sue produzioni curando lui stesso l’intera attività artistica del suo primo album, che vedrà la luce intorno a metà 2015 anticipato da altri due singoli.

Il pezzo di esordio, in uscita nel periodo natalizio, sarà supportato da diverse radio in Europa, negli Usa, in Canada e in Giappone e farà da colonna sonora al videoclip, girato nel paese del cantante. Sotto la regia di Ermanno Corrado, il video da forma al soggetto creato dal cantautore, che rappresenta in modo chiaro e semplice la versione visiva che la canzone rappresenta. Con la partecipazione di due interpreti di talento (Melania D’. e Roberto T.), giovani innamorati, e la collaborazione di un bravissimo artista, Giampiero M. la scena si svolge in una villa apparentemente disabitata. La passione che fa da sottofondo ai due adolescenti, si rispecchia alla fine del videoclip negli occhi di un anziano, che rimasto ormai solo nella vita ricorda i bei momenti passati con la sua amante tra le stanze della villa e ormai privo di forze si lascia trascinare dalla morte per poi ritrovarsi di nuovo con lei.

Una produzione molto “american concept” che cerca di irrompere nel mercato internazionale e soprattutto in Italia dove ormai la discografia arranca , dove prodotti creati a tavolino vengono “sparati” dai talent e dagli show televisivi, dove nelle radio sembra che ci sia posto solo per una moda musicale: ci vogliono sicuramente passione e cultura, ma anche notevoli doti di tenacia e di ottimismo, indispensabili ormai per affrontare le infinite difficoltà che s’incontrano quando si decide di realizzare i propri sogni andando anche contro corrente. 
D’altronde colui che segue la folla non andrà mai più lontano della folla.

Sono invece quelle persone, accomunate dalla loro passione ma anche da sangue freddo, a riempire gli stadi, facendo da cornice ai grandi festival. E come dice Paulo Coelho:” Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni”. E chi ha il coraggio di inseguire i propri sogni, ha già vinto!

(Ludovia Luceri)

Sergio D’Amico

  • Strumento: Cantante, Pianista, Chitarrista
  • Data di nascita: 14 Ottobre 1983
  • Difetti: L'egocentrismo e la testardagine
  • Cose che odio: La discoteca, la musica da discoteca, gli spaghetti
  • Curiosità: Da piccolo suonavo l'organo in chiesa, poi ho capito che le vecchiette non sarebbero state mai mie fans
  • In due parole: Poniti un obbiettivo e viaggia come un treno affinché non lo raggiungi
  • Musical Instrument: Singer, Pianist, Guitarist
  • Date of birth: October 14th, 1983
  • Flaws: Individualism and stubbornness
  • What I hate: Disco, disco music, spaghetti
  • Curiosity: When I was a child I used to play the pipe organ in church, then I realized that the old ladies would never be my fans
  • Briefly: Give yourself an aim and run like a train until you achieve it

Loris De Carlo

  • Strumento: Batteria
  • Data di nascita: 5 Febbraio 1992
  • Difetti: Difficilmente faccio le cose che non mi piacciono
  • Cose che odio: Le bugie e la mancanza di personalità
  • Curiosità: Ultimamente mi sto appassionando allo studio del flauto traverso
  • In due parole: Vivi ogni giorno come se fosse il primo
  • Musical Instrument: Drums
  • Date of birth: February 5th, 1992
  • Flaws: Hardly I do things I do not like
  • What I hate: Lies and lack of personality
  • Curiosity: Lately i'm dedicating Study of the flute
  • Briefly: Live each day as of it were the first

Federico Persano

  • Strumento: Basso
  • Data di nascita: 11 Settembre 1990
  • Difetti: Impazienza
  • Cose che odio: Le "puttane" della musica
  • Curiosità: Stavo lasciando il basso per imparare il violino e successivamente la viola ma poi ho capito che non sono strumenti da schiaffeggiare
  • In due parole: Prendi sempre e solo le cose belle della vita
  • Musical Instrument: Bass
  • Date of birth: September 11th, 1990
  • Flaws: Impatience
  • What I hate: The "whores" of the music
  • Curiosity: I was giving up with bass to learn playing violin and then viola but then I realized that these were not instrument to "slap"
  • Briefly: Take only and always the good things of life

Davide Tufano

  • Strumento: Chitarra
  • Data di nascita: 12 Marzo 1990
  • Difetti: Troppi pregi
  • Cose che odio: Chi mangia con la bocca aperta e l'herpes labiale
  • Curiosità: Ho iniziato a suonare perchè la mia carriera calcistica è stata compromessa da un infortunio, cosi in ospedale potevo fare solo quello
  • In due parole: Morto un papa se ne fa un'altro
  • Musical Instrument: Guitar
  • Date of birth: March 12th, 1990
  • Flaws: Too many qualities
  • What I hate: Who eats with his mouth open and cold sores
  • Curiosity: I started playing because my football career was compromised by an injury, so I could just do that in hospital
  • Briefly: Dead pope means a new one